Matera Sport Film Festival 2021: Tutti i Vincitori

Si è svolta ieri sera presso il Cinema Il Piccolo di Matera la cerimonia di premiazione della undicesima edizione del Matera Sport Film Festival, la rassegna dedicata al cinema e alla cultura sportiva, organizzata dall’associazione Matera Sports Academy in collaborazione con la Uisp – Unione Italiana Sport Per Tutti e con il sostegno del Programma Sensi Contemporanei CINEMA, del Comune di Matera e della Fondazione Matera – Basilicata 2019.

L’iniziativa, che aderisce al network dei festival lucani “BasilicataCinema”, è realizzata con il Patrocinio di Provincia di Matera, Comune di Potenza, Lucana Film Commission, USSI, Rai Basilicata,  Sport e Salute, Coni Basilicata.

Ma veniamo alla Cerimonia di Premiazione condotta da Andrea Rospi. Si parte con l’intervento di Michele Di Gioia, Direttore del Matera Sport Film Festival: “La kermesse è un chiaro esempio virtuoso del nostro territorio in cui accanto a cinema, teatro e musica, abbiamo inteso dire che lo sport era un contenuto importante quanto tutto il resto delle storie e oggi ne siamo consapevoli, pertanto ringraziamo tutti coloro i quali hanno sostenuto questa iniziativa sin dalle origini e continua a farlo con passione e dedizione”.

A seguire la proiezione di “Centro Multisport UISP Matera“, un progetto che lega cultura, gioco, sport e arte e si propone di elaborare una serie di azioni in cui gioco, sport, arti urbane diventano la nuova chiave di lettura per la scoperta, la rigenerazione e la riqualificazione di spazi e comunità, da vivere come luoghi culturali, comuni e accessibili. A ricevere la targa di riconoscimento, Tina Gaudiano.

Infine le premiazioni con tutti i vincitori decretati dalla giuria composta da Margherita Agata (Giornalista), Walter Nicoletti (Attore e Produttore), Giuseppe Tumìno (Regista), Barbara De Stefanis (Regista) e Giuseppe Vendegna:

VINCITORE dell’undicesima edizione del Matera Sport Film Festival il documentario “The Village Resists” di David Bert Joris Dhert, documentario belga sulla comunità indigena di Aldeia Maracanã a Rio de Janeiro, in Brasile, in occasione della Coppa del Mondo e dei Giochi Olimpici.

MIGLIOR FILM ITALIANO è L’Afide e La Formica di Mario Vitale, una storia emozionante di determinazione e vitalità di un’adolescente musulmana contagia un ex maratoneta calabrese che decide di allenarla per farle vincere la sua corsa più importante, quella della vita. A ritirare il premio il regista e l’attrice protagonista Nadia Kibout, a cui è stato conferito il riconoscimento speciale “Attrice rivelazione dell’anno” dal direttore artistico del Matera Film Festival, Nando Irene.

MIGLIOR DOCUMENTARIO ITALIANO e PREMIO DELLA GIURIA assegnato a “Girls Talk About Football” di Paola Sorrentino, documentario che narra la storia di sei ragazze che condividono le proprie esperienze giocando a calcio femminile in uno sport dominato dagli uomini. Storie tradotte da diverse tecniche di animazione per esplorare varie possibilità narrative. A consegnare il premio Francesco Porcari, consigliere Lucana Film Commission; per la sezione internazionale la spunta come MIGLIOR DOCUMENTARIO STRANIERO la pellicola francese “Gunnar” di Benjamin Potet, che racconta le vicende di uno dei suoi più grandi miti negli anni ’50, Gunnar Andersson, l’eccentrico e prolifico marcatore svedese, altrettanto noto per le sue imprese dentro e fuori dal campo. Per la sezione Sport e Società la spunta “Daughters of Cynisca” di Beatriz Carretero, un film documentario sulla disuguaglianza di genere nello sport, riflesso della società in cui viviamo. Dà voce a donne che sono modelli di ruolo, che hanno ottenuto grandi successi nelle loro carriere e che condivideranno con noi le loro storie. A ritirare il premio conferito da Nico Galante la co autrice Eva Contreras.

Due Menzioni Speciali per la sezione Sport e Società: Cap20100, A Common Goal di Paolo Marelli, un documentario che presenta eventi personali e collettivi che offre una riflessione sull’accessibilità dello sport, la vita di periferia, la condizione dei migranti, il calcio femminile e il ruolo degli ultras nel movimento del calcio sociale; e “La Fortuna non esiste. La Storia del Bomber di Dio” di Stefano Tammaro, Edoardo Bellino, il racconto di un viaggio dal Brasile alla provincia italiana. La storia di un uomo che ha inseguito il suo sogno, ha sofferto e si è rialzato, che si è ritrovato nella fede. Una vittoria dentro e fuori dal campo.

In sala presente anche il regista Domenico Ciolfi, l’attrice Monica Camporesi ed il compositore della colonna sonora, Nico Canzoniero del documentario IL CASO PANTANI – L’omicidio di un Campione ai quali sono stati conferiti dei riconoscimenti per la pellicola del grande campione sportivo italiano.

Lo sport è stato ancora una volta protagonista indiscusso nella Città dei Sassi. La Direzione Artistica del Matera Sport Film Festival è già al lavoro per la dodicesima edizione. Nei prossimi mesi sarà pubblicato il bando ufficiale sul sito www.materasportfilmfestival.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate