L’Uisp al Trento Film Festival con Paolo Rumiz e Rocco Papaleo

La rassegna cinematografica dedicata alla montagna vede l’Uisp tra i suoi protagonisti, anche grazie al gemellaggio con il Matera Sport Film Festival

In corso, fino al 6 maggio  la 66^ edizione del Trento Film Festival che quest’anno fa il record di film, con 710 pellicole iscritte, di cui 149 selezionati e 25 in concorso. Nell’ambito del protocollo di collaborazione firmato con l’Uisp nel 2015 e rinnovato nel 2017 si rafforza il rapporto con l’Uisp, anche grazie al gemellaggio con Matera e la Basilicata, legato al Matera Sport Film Festival: ospiti delle due serate organizzate in collaborazione con l’Uisp, lo scrittore Paolo Rumiz e l’attore e regista Rocco Papaleo.

La prima vede protagonista il giornalista e scrittore Paolo Rumiz, che sarà a Trento venerdì 27 aprile alle 21 presso la Sala della Filarmonica, con “Scrivere con i piedi”, una serata di riflessione sul tema del cammino e della narrazione dei territori e delle comunità che li abitano. Il celebre scrittore parlerà del rapporto tra la scrittura e il cammino, attraverso il quale l’uomo conosce il mondo e di conseguenza sé stesso. “Camminando – spiega Rumiz – produciamo versi che non a caso sono divisi in piedi. Camminando dichiariamo la nostra identità ancor prima di parlare”.

Secondo appuntamento sabato 28 aprile, sempre alle 21 e sempre alla Sala della Filarmonica: questa volta sul palco l’attore e regista Rocco Papaleo, con lo spettacolo “Camminare mi piace”, che lo vedrà accompagnato da Raffaello Fusaro e dal pianoforte di Arturo Valiante. Questo secondo evento si inserisce nel contesto del fresco rapporto di collaborazione tra il Trento Film Festival della Montagna e il Matera Sport Film Festival, che si è concretizzato nell’autunno scorso con la firma nella “città dei Sassi” di un protocollo condiviso e sottoscritto anche da Uisp Trentino e Uisp Basilicata. Per info clicca qui

Numerosi celebri alpinisti animeranno le serate del Trento Film Festival evento, tra cui Reinhold Messner, Hansjoerg Auer, Hervé Barmasse, Manolo, Adam Ondra, Nicola Tondini, Denis Urubko, Emilio Previtali, Alex Txikon. Ci sarà anche Tommy Caldwell, uno dei più famosi arrampicatori statunitensi, diventato un’icona dopo l’impresa di due anni fa, quando ha scalato in libera, con Kevin Jorgeson, la Dawn Wall su El Capitan, nello Yosemite, la big wall più difficile al mondo.

Ma sarà anche il festival delle “storie al femminile” con le testimonianze di due ospiti speciali: Pasang Lhamu Sherpa Akita, la principale guida alpina del Nepal, prima donna del suo Paese ad avere scalato il K2. Per il coraggio dimostrato durante il terremoto del Nepal del 2015 le è stato assegnato nel 2016 il premio del National Geographic “Adventure of the year”; Nasim Eshqi, free climber iraniana, unica donna in Iran a fare dell’arrampicata all’aperto la propria professione. Due straordinarie protagoniste dei nostri tempi per le quali la montagna è diventata una ragione di vita e di emancipazione femminile rispetto alle culture dei loro Paesi. (A cura di Elena Fiorani)

Per maggiori informazioni sul programma visitate il sito www.trentofestival.it

 

CAMMINARE MI PIACE

Raffaello Fusaro dialoga con Rocco Papaleo, al pianoforte Arturo Valiante A cura di Rocco Papaleo e Raffaello Fusaro

SERATA EVENTO

“Camminare mi piace” è l’incipit di un noto monologo di Rocco Papaleo. Attore di cinema e teatro, regista, autore, cantante e musicista, Rocco è interprete un po’ vagabondo, un po’ randagio. Si sposta attraverso luoghi reali e dell’anima che – dal suo meridione biografico – diventano suggestioni e piccoli conforti per tutti. I suoi pezzi sono brevi tragitti dentro un teatro di canzoni e storie che donano divertimento e sogni, poesia e comicità in uno stile d’autore personalissimo. Rocco è un universo di galassie piccole piccole e stelle romantiche, pianeti minimi dove è possibile scherzare su problemi grandi. La musica del suo universo gira a modo suo, tra il canto e le parole, al ritmo calmo dei passi a piedi, tra riflessioni assurde e note esistenziali. In questa serata dialogherò con lui, andando a zonzo nel ritmo del suo groove e della sua poetica.

ROCCO PAPALEO
Rocco Papaleo, nasce a Lauria, in Basilicata nel 1958. Eccellente attore di commedia, al teatro e al cinema, è anche regista di qualità, oltre che cantante, dotato di un timbro molto singolare.
Interprete di numerose pellicole di successo dirette da Leonardo Pieraccioni, ha lavorato anche con Alessandro D’Alatri, Francesca Archibugi, Giovanni Veronesi, Massimiliano Bruno, Checco Zalone, Paolo Genovese e tanti altri. Protagonista di serie televisive di successo e raffinato interprete di teatro, vince nel 2005 il premio della critica al “Festival teatro canzone Giorgio Gaber” che presenterà per due edizioni dal 2012. Nel 2012 affianca Gianni Morandi nella conduzione del Festival di Sanremo.
E’ candidato al Nastro d’Argento come “miglior attore non protagonista” per “Il pranzo della domenica” per la regia di Vanzina. Debutta alla regia nel 2010, nel film “Basilicata coast to coast”, di cui è anche protagonista, e per il quale riceve il Nastro d’Argento e il “David di Donatello” come miglior regista esordiente. Nel 2013 esce in sala la sua seconda opera da regista “Una piccola impresa meridionale” e nel 2016 il suo terzo film “Onda su onda”.

RAFFAELLO FUSARO
Pugliese, diplomato all’ ”Accademia d’arte drammatica Silvio d’Amico” debutta come interprete di teatro con Rocco Papaleo in “Basilicata on my mind”. Attualmente alterna l’attività di regista e autore a quella di sceneggiatore. Ha collaborato come autore con Alessandro Haber, Rocco Papaleo, Christian de Sica. Per il premio Oscar G. Salvatores è capo progetto autorale di “Italy in a day”, il primo social film italiano tratto dal format di Redley Scott. Sempre per la regia di Salvatores scrive il corto “The Promise”, di cui è anche voce narrante. E’ autore del film documentario “Le favole iniziano a Cabras”.

ARTURO VALIANTE
Diplomato in pianoforte classico studia jazz nei con G.Gaslini, E. Pierannunzi e F. D’Andrea. Ha suonato con Massimo Urbani, Paolo Fresu e Karl Potter in festival come “Ragusa jazz”, “Vieste, Jazz fest”, al Foro Italico e in numerosi club e rassegne. Ha accompagnato cantanti come Phillys Brandford, Christal White, Josette Martial, Awa Ly, Lily Lathueru. Lavora con Rocco Papaleo in varie turnè nei teatri italiani e tour estivi. Nella musica pop ha collaborato in studio con: Giorgia, Pino Daniele, Gianluca Grignani, Michele Zarrillo, Saturnino, Mietta e moltissimi altri. Partecipa come pianista accompagnatore al Festival di Sanremo 2012 con Rocco Papaleo e al Festival Gaber di Viareggio con la band residente. Lavora anche per il cinema con musiche originali e come collaboratore musicale.

  • In collaborazione con UISP nazionale, Comitati territoriali Trentino e Basilicata, Lucana e Trentino Film Commission, e Matera Sport Film Festival

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *